Madonna con il Bambino e i Santi Apollonio, Apollonia, Caterina e Lucia

DESCRIZIONE

DESCRIZIONE

L’opera fu commissionata dai ragazzi devoti di Santa Apollonia per sostituirne una precedente sempre dedicata alla santa, forse di mano del Moretto.

Fu scelto Pietro Scalvini (1718-1792) per la nuova tela, artista dotato di buon gusto e grande fantasia, che la realizzò nel 1761.
La tela è chiamata anche la pala delle tre sante, poichè ammiriamo insieme ad Apollonia le sante Lucia e Caterina.

Apollonia è la bella figura femminile al centro, che ci volge lo sguardo, riccamente vestita. La possiamo riconoscere grazie all’oggetto che tiene nella mano destra: una tenaglia con un dente. La tradizione racconta, infatti, che le furono strappati (o rotti) tutti i denti. A sinistra Lucia, con gli occhi in mano, è raffigurata di profilo. Infine, la terza santa inginocchiata è Caterina, alla sinistra dei suoi piedi si scorge la ruota dentata del suo martirio.
Graziosi i due angioletti sulla destra che sembrano farsi i dispetti mentre reggono tra le paffute mani corone di fiori, palma del martirio ed un giglio, simbolo di purezza legato all’iconografia di Apollonia.
In alto vi sono la Madonna con il Bambino sulle ginocchia e Sant’Apollonio a sinistra, in atteggiamento adorante.
Tutte le figure sono delicate e dolci come le espressioni dei volti. Colori chiari, atmosfera briosa e un certo gusto scenografico dovuto alla diagonale leggermente ondeggiante lungo la quale si dispongono le sante rendono questa tela ben riuscita ed apprezzata. Sul cartiglio in basso a destra sono visibili la data e la firma dell’autore.

© 2017 Museo Diocesano di Brescia - Designed and developed by VIVA! Srl - Crediti